Alimentazione varia, perché è importante

Citando il Ministero della Salute, un’ alimentazione varia ed equilibrata è alla base di una vita in salute. Un’ alimentazione inadeguata, infatti, oltre a incidere negativamente sul nostro benessere psico-fisico, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per l’insorgere di numerose e importanti malattie. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa 1/3 delle malattie cardiovascolari e dei tumori potrebbero essere evitati mediante un’ alimentazione sana ed equilibrata.

Come sappiamo, il corpo umano necessita di molteplici nutrienti per il suo corretto funzionamento. In generale, i cosiddetti macronturienti (ovvero carboidrati, lipidi e proteine) vengono introdotti abbastanza regolarmente; risulta invece più difficile soddisfare i fabbisogni giornalieri di altri indispensabili nutrienti, quali acqua, vitamine e minerali. Questi ultimi sono componenti altrettanto essenziali, in quanto il nostro organismo non riesce ad ottenerli da sé in nessun altro modo se non ingerendoli. Alcuni nutrienti sono necessari per soddisfare il nostro bisogno di energia; altri per alimentare il continuo ricambio di cellule; altri per rendere possibili i processi fisiologici; altri ancora hanno funzioni protettive. Variare le scelte a tavola significa quindi assicurare al nostro organismo tutti i nutrienti di cui esso necessita per svolgere le proprie funzioni. Questo aspetto appare ancora più importante considerando il fatto che non esiste nessun alimento (né naturale né trasformato) che contenga in sé tutte le sostanze nutritive di cui il corpo ha bisogno nelle giuste quantità.

Per facilitare l’applicazione di questo concetto, gli alimenti vengono suddivisi in gruppi, in base alle loro proprietà nutritive. Per avere una dieta varia e completa, sarà sufficiente assumere quotidianamente almeno una porzione degli alimenti che fanno parte dei gruppi, variando anche abitualmente le scelte nell’ambito di ciascun singolo gruppo. In particolare, i gruppi individuati sono:

1) Cereali e derivati: apportano all’organismo carboidrati, ovvero la fonte energetica principale del nostro organismo. Contengono inoltre vitamine B e minerali, oltre a piccole quantità di proteine. La scelta migliore è consumare carboidrati integrali.

2) Frutta e ortaggi: sono una fonte importantissima di fibre, elemento essenziale nel processo digestivo. Frutta e verdura sono inoltre ricche di vitamine e minerali, essenziali nel corretto funzionamento dei meccanismi fisiologici. Contengono, infine, antiossidanti che svolgono un’azione protettiva.

3) Latte e derivati: ricchi di calcio, un minerale essenziale nella costruzione delle ossa. È sempre comunque preferibile il consumo di latte scremato e di latticini a basso contenuto di grassi.

4) Carne, pesce, uova e legumi: forniscono proteine, le quali partecipano alla costituzione delle diverse componenti del corpo, favoriscono le reazioni chimiche nell’organismo, trasportano le sostanze nel sangue e sono componenti della risposta immunitaria. Un insufficiente apporto di proteine può compromettere queste funzioni (per esempio si può perdere massa muscolare), ma un eccesso è altrettanto inappropriato: le proteine di troppo vengono infatti trasformate in depositi di grasso e le scorie di questa trasformazione diventano sostanze che possono danneggiare fegato e reni. In particolare le carni, soprattutto quelle rosse, contengono grassi saturi e colesterolo, perciò vanno consumate con moderazione. Vanno consumati invece con maggior frequenza il pesce, poichè ha un effetto protettivo verso le malattie cardiovascolari grazie ai grassi omega-3 e i legumi, che sono la fonte più ricca di proteine vegetali.

5) Acqua: circa il 70% del corpo umano è composto di acqua e la sua presenza, in quantità adeguate, è essenziale per il mantenimento della vita: l’acqua è infatti indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici e delle reazioni biochimiche che avvengono nell’organismo, inoltre svolge un ruolo principale nella digestione, nell’assorbimento, nel trasporto e nell’impiego dei nutrienti. È anche il mezzo principale attraverso cui vengono eliminate le sostanze di scarto dei processi biologici.

Per questi motivi, un’ alimentazione varia ed equilibrata è fondamentale al fine di conservare un buono stato di salute nel breve, medio e lungo termine.

Lascia un commento