Lo zafferano: proprietà e curiosità sulla spezia

Lo zafferano vero (Crocus sativus) è una pianta della famiglia delle Iridaceae, coltivata in Asia minore e in molti paesi del bacino del Mediterraneo. In Italia le colture più estese si trovano soprattutto nelle Marche, in Abruzzo e in Sardegna. Dallo stimma della pianta si ricava la spezia denominata “zafferano“. La parola zafferano deriva dalla parola araba “za’faran” che significa “giallo”.

Questa spezia è ricca in minerali, in particolare calcio, fosforo, sodio, potassio, ferro, e in vitamine, in particolare vitamina A, B e C.

I primi utilizzi dello zafferano risalgono ai tempi degli antichi Egizi e dei Romani, epoche in cui alla spezia venivano attribuite proprietà terapeutiche utili a curare una vasta gamma di disturbi come l’asma, i dolori mestruali, le malattie del fegato e la depressione. Lo zafferano è stato inoltre considerato sin dall’antichità come un sostanza con proprietà afrodisiacheEra utilizzato dagli Egizi persino nella composizione di tinture, profumi ed oli. Anticamente, grazie al suo elevato consumo, è stato uno dei principali mezzi di commercio con l’oriente e per questo motivo è stato soprannominato “oro rosso”. L’alto valore economico deriva prevalentemente dalle modalità con cui esso viene prodotto: tutte le operazioni che vanno dalla raccolta alla polverizzazione vengono tutt’oggi compiute a mano, senza l’utilizzo di alcuna macchina. Inoltre, per ottenere un chilogrammo di zafferano è necessario raccogliere circa 150.000 fiori.

A questa particolare spezia sono attribuiti numerosi benefici per il nostro organismo, in particolare:

sul sistema nervoso: i principi attivi in esso contenuti avrebbero secondo studi scientifici effetti benefici sulla parte del sistema nervoso responsabile dell’umore;

sulla sindrome premestruale: le proprietà della zafferano si sono dimostrate utili in caso dei sintomi tipici  della sindrome premestruale, come gli sbalzi di umore e la tensione nervosa.

sul cervello: grazie alle proprietà antiossidanti, anche la memoria e la capacità di apprendimento traggono benefici dall’assunzione di questa spezia.

fa bene agli occhi: grazie alla presenza di vitamina A, l’assunzione di zafferano è utile per contrastare la degenerazione maculare tipica dell’età avanzata.

benefici alle vie respiratorie: i suoi benefici interessano anche le infiammazioni delle vie respiratorie, l’asma in particolare. La spezia infatti aiuta a liberare le vie respiratorie e riduce l’infiammazione, facilitando così la respirazione è l’intensità dell’attacco di asma.

fa bene alla pelle: contiene antiossidanti che, rallentando l’invecchiamento cellulare, si rivelano utili per la salute della pelle.

rimedio per l’insonnia: a tal proposito si può utilizzare mescolata al tè o al latte prima di coricarsi.

-infine, il tè preparato con lo zafferano viene utilizzato per curare la psoriasi e per eliminare l’accumulo di gas nell’intestino e nello stomaco.

Lascia un commento